AMMINISTRAZIONE A TESTA BASSA!………..

logo 1.JPG

LA MAGGIORANZA SOLA AL COMANDO  (uno storico commenatore del ciclismo  direbbe UN UOMO SOLO AL COMANDO).  Coperto il primo buco di bilancio mettendo le mani nelle tasche delle cittadine e  dei cittadini. Approvato un forte aumento della spesa dei rifiuti contro la volontà del paese rappresentata dalle minoranze e dalla forza politica di riferimenento della maggioranza il PD.  Alla faccia della democrazia …

Altro che “GOVERNO PER IL PAESE E CON IL PAESE” da noi invocato …  qui siamo alla restaurazione di un passato che pensavamo ormai depositato alla storia.

Fw: TERREMOTO: CHIODI, SU ZONA FRANCA INTESA GOVERNO-REGIONE

 





From: Regione Abruzzo _ Ultim’ora a cura
del _Servizio Stampa_

Sent: Thursday, May 21, 2009 11:15 AM

Subject: TERREMOTO: CHIODI, SU ZONA FRANCA INTESA
GOVERNO-REGIONE



(REGFLASH) – L’Aquila, 21 mag. “Sulla Zona franca stiamo
sottoponendo all’Unione europea una posizione comune Governo-Regioni”. Lo ha
detto il presidente della Regione a margine della conferenza stampa con il
ministro della Difesa a chiarimento dell’iter di legge sulla questione della
Zona franca. “Abbiamo fatto approvare – ha aggiunto il presidente della Regione
– un emendamento che prevede la Zona franca che, è bene chiarire una volta per
tutte, non è la Zona franca urbana che conosciamo, bensì è il sistema della zona
franca prevista dall’Unione europea i cui benefici in sede operativa saranno
determinati dal Cipe essndo materia di programmazione e sviluppo”. Il presidente
della Regione ha poi voluto chiarire alcuni aspetti della Zona franca alla luce
soprattutto delle ultime notizie sulla natura del provvedimento. “Qualora
l’Unione europea dovesse accettare la richiesta del Governo e della Regione –
aggiunge – la Zona franca andrebbe ad incidere sul tessuto economico e sociale
che ha subito forti danni; non basta aver subito danni materiali dal terremoto
per aspirare ad un riconoscimento del genere. È bene chiarire che sarà fatta una
scelta legata a determinati parametri economici che riguarderanno esclusivamente
il tessuto socioeconomico effettivamente compromesso, senza furbizie da parte di
qualcuno”. “Credo, in tutta onestà, che per un fatto di equità la soluzione
della Zona franca debba essere pensata per le zone dell’aquilano che hanno
subito danni tangibili e danni alla possibilità materiale di lavorare e
produrre”, ha aggiunto il presidente della Regione a chi chiedeva se si potevano
già da ora individuare aree che potranno beneficiare eventualmente dei
provvedimenti connessi alla Zona franca. “La misura, quindi, non potrà essere
estesa a prescindere, come alcuni vanno evocando senza un principio di
fondamento; come non è detto che la Zona franca coincida con i comuni del
decreto numero 3, quello del ‘cratere’. Il perimetro che ha individuato il
decreto sul cratere dei comuni tiene conto di una serie di relazioni
scientifiche ben determinate; la Zona franca di cui stiamo discutendo fa invece
riferimento a parametri che hanno a che fare con il tessuto socioeconomico”.
Sulle possibilità di accoglimento della proposta del Governo sulla Zona franca,
il presidente della Regione ha parlato di “impressione positiva
sull’atteggiamento dell’Unione europea di esprimersi in senso favorevole di
fronte alla richieste italiane, anche se ? ha precisato il Presidente ? l’Europa
dirà la sua in maniera definitiva solo quando avrà davanti tutti i dati
socioeconomici”. (REGFLASH) IAV 090521

CHIEDIAMO IL GOVERNO DELLA RINASCITA

scanno 28_1_4_9.jpgIl Quadrifoglio di Maggio 2009 ha focalizzato l’attenzione sulla difficoltà dell’Amministrazione ad affrontare l’emergenza post terremoto. L’amore per Scanno e la situazione così straordinaria ci spinge ad  invocare un “Governo per il paese e con il paese”   per condividere con tutti le iniziative da porre in essere per la rinascita di Scanno.  ATTIVARE IL GOVERNO DELLA RINASCITA che per  NOI  significa:

       RIVOLGERE UN APPELLO ACCORATO A TUTTI ED IN PRIMO LUOGO AL SINDACO COME RAPPRESENTANTE DELL’INTERA CITTADINANZA.

–   TRAVALICARE MAGGIORANZE E MINORANZE E PORSI COME UNICO OBIETTIVO “PORTARE IL PAESE FUORI DEL PRECIPIZIO”.

      CREARE TASK FORCE COSTITUITE DA CITTADINE E CITTADINI DI BUONA VOLONTÀ, DI RICONOSCIUTA, MANIFESTA COMPETENZA E PERIZIA, DESIDEROSI DI DARE VITA ALLA RINASCITA DEL PROPRIO AMATO PAESE, COME UNICO SCOPO DEL PROPRIO IMPEGNO.

       

   PENSIAMO alla Scanno del 2030.  PENSIAMO ad un governo che passi da un’azione dell’oggi per domani ad una  programmata con  un progetto di sviluppo socio-economico di ampio respiro, composto da articolate e diversificate azioni.

 

 

RIFIUTI: ABRUZZO POLITICHE AMBIENTALI INNOVATIVE

GIUNTA APPROVA DELIBERA PER GESTIONE IMPIANTI SMALTIMENTO (REGFLASH) – L’Aquila, 18 mag. La Giunta regionale, su proposta dell’assessore all’Ambiente, nella seduta di oggi, ha approvato un importante provvedimento in materia di gestione degli impianti di smaltimento dei rifiuti non pericolosi. Il documento elaborato dai tecnici dell’Arta Abruzzo, in collaborazione con il Servizio Gestione rifiuti, denominato “Linee guida per il monitoraggio delle discariche per rifiuti non pericolosi”, contiene disposizioni per il corretto adempimento del decreto legislativo n. 36/2003 in materia di discariche e, in particolare, per l’attuazione corretta dei “Piani di Sorveglianza e Controllo”. Detti Piani, infatti, devono essere approvati per ogni discarica autorizzata e/o in esercizio e devono essere costituiti da un documento unitario comprendente le fasi di realizzazione, gestione e post-gestione relativo a tutti i fattori ambientali da controllare. “Se le disposizioni previste dalle vigenti leggi in materia vengono rispettate, – ha commentato l’assessore – le discariche sono veri e propri impianti industriali e non costituiscono alcun problema per le comunità locali interessate. Anzi possono rappresentare degli investimenti importanti per il ritorno economico che possono avere, riferito agli introiti per la produzione del biogas e vendita di energia elettrica e all’ecoristoro che spetta per i territori che le ospitano. Vi sono esempi concreti anche in Abruzzo”. Spesso le discariche sono percepite dai cittadini come impianti “scomodi”, poiché spesso sono sinonimo di impatto ambientali negativi, inquinamento di falde, cattivi odori. In realtà, le disposizioni normative in materia, entrate in vigore dal 2003, hanno introdotto, per questa tipologia di impianti, nuovi obblighi, al fine di garantire una minimizzazione degli effetti sull’ambiente, un recupero di energia dalle stesse (biogas), una buona gestione sia in fase di esercizio che nella fase di post-esercizio e chiusura, da garantire per almeno un trentennio. “La Regione Abruzzo – ha continuto l’assessore – sta promuovendo politiche ambientali innovative, al fine di affermare nel settore della gestione dei rifiuti modelli gestionali efficienti, in particolare per gli impianti di smaltimento, basati su tecnologie innovative e sul raggiungimento di obiettivi che assicurino, prioritariamente, un’efficace protezione della salute e dell’ambiente, nel rispetto dei princìpi, criteri ed indirizzi stabiliti dalla legislazione vigente. E’ necessario, dunque – ha concluso – che vi sia uno sforzo maggiore da parte dei titolari e/o gestori degli impianti di smaltimento per garantire una buona gestione degli stessi e le linee guida regionali approvate, costituiscono un valido supporto per un’applicazione più puntuale degli adempimenti previsti”. (REGFLASH) KS 090518

Fw: COMMERCIO: GIUNTA, DDL IN AIUTO DI ESERCENTI COLPITI DAL SISMA

 





From: Regione Abruzzo _ Ultim’ora a cura
del _Servizio Stampa_

Sent: Monday, May 18, 2009 11:15 AM

Subject: COMMERCIO: GIUNTA, DDL IN AIUTO DI ESERCENTI COLPITI DAL
SISMA



(REGFLASH) Pescara, 18 mag. La Giunta regionale, su proposta
del vice presidente e assessore allo Sviluppo economico, ha approvato stamane il
disegno di legge recante “Modifiche ed integrazioni temporanee alla legge
regionale 16 luglio 2008, n.11 – Nuove norme in materia di commercio – a seguito
del sisma del 6 aprile 2009”. Il disegno di legge approvato, già domani sarà al
vaglio del Consiglio regionale ed avrà carattere temporaneo, in risposta alla
grave situazione contingente, restando in vigore fino al 31 dicembre 2011. Il
provvedimento riguarda la maggior parte degli esercenti al dettaglio in sede
fissa e gli esercenti la somministrazione al pubblico di alimenti e bevande,
ubicati nel territorio del Comune dell’Aquila, ai quali è consentito, in deroga
temporanea alla normativa vigente, il trasferimento nelle aree artigianali e
industriali ricadenti nel territorio dello stesso Comune. “In questo particolare
momento, a seguito del sisma che ha colpito l’Abruzzo – ha dichiarato
l’assessore – il settore distributivo delle zone del Comune dell’Aquila è
sottoposto a notevoli difficoltà e pertanto è opportuno venire incontro alle
esigenze degli operatori del comparto commerciale, creando le condizioni più
favorevoli per un veloce riavvio delle loro attività e per contribuire alla
rinascita e ripresa economica della città”. Attraverso il disegno di legge
approvato dalla Giunta agli esercizi è permesso un ampliamento del 10% della
superficie di vendita originaria. Nelle stesse aree, infine, può essere prevista
l’organizzazione di fiere periodiche, mercati giornalieri e settimanali, ai
quali partecipano esclusivamente gli esercenti il commercio al dettaglio su aree
pubbliche in possesso di autorizzazione rilasciata dal Comune dell’Aquila.
(REGFLASH) US090518

Fw: RIFIUTI: IN ABRUZZO POLITICHE AMBIENTALI INNOVATIVE

 



From: Regione Abruzzo _ Ultim’ora a cura
del _Servizio Stampa_

Sent: Monday, May 18, 2009 11:15 AM

Subject: RIFIUTI: IN ABRUZZO POLITICHE AMBIENTALI
INNOVATIVE



GIUNTA APPROVA DELIBERA PER GESTIONE IMPIANTI SMALTIMENTO
(REGFLASH) – L’Aquila, 18 mag. La Giunta regionale, su proposta dell’assessore
all’Ambiente, nella seduta di oggi, ha approvato un importante provvedimento in
materia di gestione degli impianti di smaltimento dei rifiuti non pericolosi. Il
documento elaborato dai tecnici dell’Arta Abruzzo, in collaborazione con il
Servizio Gestione rifiuti, denominato “Linee guida per il monitoraggio delle
discariche per rifiuti non pericolosi”, contiene disposizioni per il corretto
adempimento del decreto legislativo n. 36/2003 in materia di discariche e, in
particolare, per l’attuazione corretta dei “Piani di Sorveglianza e Controllo”.
Detti Piani, infatti, devono essere approvati per ogni discarica autorizzata e/o
in esercizio e devono essere costituiti da un documento unitario comprendente le
fasi di realizzazione, gestione e post-gestione relativo a tutti i fattori
ambientali da controllare. “Se le disposizioni previste dalle vigenti leggi in
materia vengono rispettate, – ha commentato l’assessore – le discariche sono
veri e propri impianti industriali e non costituiscono alcun problema per le
comunità locali interessate. Anzi possono rappresentare degli investimenti
importanti per il ritorno economico che possono avere, riferito agli introiti
per la produzione del biogas e vendita di energia elettrica e all’ecoristoro che
spetta per i territori che le ospitano. Vi sono esempi concreti anche in
Abruzzo”. Spesso le discariche sono percepite dai cittadini come impianti
“scomodi”, poiché spesso sono sinonimo di impatto ambientali negativi,
inquinamento di falde, cattivi odori. In realtà, le disposizioni normative in
materia, entrate in vigore dal 2003, hanno introdotto, per questa tipologia di
impianti, nuovi obblighi, al fine di garantire una minimizzazione degli effetti
sull’ambiente, un recupero di energia dalle stesse (biogas), una buona gestione
sia in fase di esercizio che nella fase di post-esercizio e chiusura, da
garantire per almeno un trentennio. “La Regione Abruzzo – ha continuto
l’assessore – sta promuovendo politiche ambientali innovative, al fine di
affermare nel settore della gestione dei rifiuti modelli gestionali efficienti,
in particolare per gli impianti di smaltimento, basati su tecnologie innovative
e sul raggiungimento di obiettivi che assicurino, prioritariamente, un’efficace
protezione della salute e dell’ambiente, nel rispetto dei princìpi, criteri ed
indirizzi stabiliti dalla legislazione vigente. E’ necessario, dunque – ha
concluso – che vi sia uno sforzo maggiore da parte dei titolari e/o gestori
degli impianti di smaltimento per garantire una buona gestione degli stessi e le
linee guida regionali approvate, costituiscono un valido supporto per
un’applicazione più puntuale degli adempimenti previsti”. (REGFLASH) KS
090518

Fw: TURISMO:TERREMOTO,OPERATORI E ISTITUZIONI A CONFRONTO



From: Regione Abruzzo _ Ultim’ora a cura
del _Servizio Stampa_

Sent: Monday, May 18, 2009 11:15 AM

Subject: TURISMO:TERREMOTO,OPERATORI E ISTITUZIONI A
CONFRONTO



(REGFLASH) – L’Aquila,18 mag. Iniziative finalizzate ad una
“esatta informazione sul ricco potenziale turistico dell’Abruzzo”, in tal senso
vi sono iniziative in programma sin dalla settimana prossima con il Ministero
del Turismo e “misure speciali per la stagione turistica del 2010 così da
recuperare il flusso del 2009”. Sono questi gli aspetti messi in evidenza
dall’assessore al Turismo della Regione che, insieme al presidente
dell’Osservatorio Parlamentare sul Turismo, ha fatto il punto della situazione
nel corso di una conferenza stampa. L’incontro con i giornalisti era finalizzato
a riferire gli esiti della riunione da lui avuta con gli operatori turistici
abruzzesi. Tra le priorità che vedono impegnata la Regione, secondo l’assessore:
“snellire le pratiche burocratiche che consentono alle banche di emettere i
pagamenti delle fatture degli albergatori, l’analisi del termine di scadenza
della convenzione con i titolari delle strutture alberghiere, la valutazione dei
danni diretti ed indiretti subiti dagli operatori del settore, il raccordo
fondamentale tra le varie istituzioni che si occupano di turismo”. Il Presidente
del’Osservatorio ha sottolineato “la necessità di individuare un orizzonte
temporale che sia in grado di rassicurare gli aquilani ed i titolari delle
strutture alberghiere ospitanti della costa”. Tra gli elementi evidenziati vi è
anche la collaborazione della Banca d’Italia, la cui tesoreria sta lavorando per
il pagamento delle due tranche relative alle fatture dei titolari di strutture
ricettive. “Siamo impegnati d’intesa con la Protezione Civile regionale e
l’assessorato al Turismo”, ha aggiunto il Presidente. “La salvaguardia della
situazione logistica – ha concluso l’assessore al Turismo – ci impegna molto. La
prima esigenza è garantire l’ospitalità, oggi grazie al senso di responsabiltà
di Protezione Civile e degli albergatori stiamo mantenendo una situzione di
tranquillità, i mandati di pagamento sono partiti ma in passaggi per motivi
burcratici hanno avuto dei rallentmenti. Stiamo lavorando perchè non si
ripetano”. (REGFLASH)A.S. 090518

ISTITUZIONI CERCASI!….

logo 1.JPG

Annullata l’assemblea pubblica del PD per sopraggiunti impegni dei rappresentanti Istituzionali abruzzesi che dovevano intervenire. Sul tema  “Come salvare l’economia del territorio”, a noi molto a cuore,  come  Coordinamento Vivere Scanno, rispondendo all’invito, avevano preparato il contributo al dibattito  che …  segue

 

Fw: TERREMOTO:DA TAIWAN COMPUTER E TELEFONI A STUDENTI AQUILANI

From: Regione Abruzzo _ Ultim’ora a cura del _Servizio Stampa_



Sent: Thursday, May 14, 2009 11:15 AM

Subject: TERREMOTO:DA TAIWAN COMPUTER E TELEFONI A STUDENTI
AQUILANI


L’Aquila, 14 mag – Una delegazione del governo taiwanese, guidata
dall’ambasciatore in Italia, Yih Jung-tzung, ha fatto dono agli studenti delle
scuole aquilane di materiale informatico prodotto nell’isola cinese. La
cerimonia di consegna si è tenuta presso la scuola ispettori e soprintendenti
della Guardia di Finanza di Coppito, dove la delegazione è stata ricevuta dal
direttore della scuola, Fabrizio Lisi. Presenti all’incontro il sindaco
dell’Aquila, Massimo Cialente e, in rappresentanza del Presidente della Regione,
il direttore degli affari della presidenza, Antonio Sorgi, oltre ai parlamentari
Antonio Razzi e Valter Zanetta, componenti del Gruppo di parlamentari italiani
amici di Taiwan. Anche Taiwan, in nome dell0’amicizia che ci lega all’Italia, ha
detto l’mbasciatore Yih, ha voluto unirsi al vostro dolore, ben consapevoli di
cosa significhi essere travolti da un terremoto, come quello che travolse la
cittadina taiwanese di Chi-chi nel 1999, provocando enormi danni e migliaia di
vittime. Siamo ben consci che qualsiasi dono verrà offerto, esso non potrà mai
sostituire le perdite occorse in quella terribile notte; tuttavia, anche un
piccolo gesto può essere utile a risollevare il morale e ad aiutare la
popolazione abruzzese a ripartire. Il rappresentante diplomatico ha consegnato
alle autorità presenti anche un dossier sulla ricostruzione della città di
Chi-chi, oltre a un audiovisivo con una raccolta di tesi e dissertazioni di
carattere tecnico e amministrativo sul come affrontare la ricostruzione
all’indomani di un disastro naturale. Il nostro Ufficio di Rappresentanza in
Roma sarà presente in ogni momento per qualsiasi richiesta riteniate necessaria
e conferma la sua disponibilità a offrire collaborazione in prospettiva futura,
anche con l?invio di esperti e tecnici in soccorso alla ricostruzione. E’ con
questo spirito di collaborazione e amicizia che auguro a tutto l’Abruzzo di
ritornare forte e radioso come prima del terremoto. Della delegazione faceva
parte anche l’amministratore delegato della Acer (l’azienda di prodotti
elettronici, terza per importanza nel mondo) Alberto Scolari, il quale ha
annunciato che la sua azienda è disponibile a collaborare per la ricostruzione
del tessuto economico e produttivo dell’aquilano. (Regflash) CG
090514