L’alta velocità sulla Pescara-Roma, venerdì il convegno con Gentile

Su Zac7.it una notizia interessante. Unire l’Adriatico con Roma con una linea ferroviaria ad alta velocita’. Un progetto ambizioso che si auspica diventi realta’ per fermare lo spopolamento che interessa la nostra regione

^^^

 

ZAC7.it

Unire l’Adriatico a Roma con una linea ferroviaria ad alta velocità. Forse un sogno per molti, ma una necessità per tanti con l’obiettivo di evitare spopolamento e impoverimento dell’Abruzzo interno. Tra chi ci crede da sempre è Franco Iezzi che per venerdì, attraverso la sua Associazione Ars-Azione, ricerca, sviluppo, ha organizzato un convegno sul tema “Un treno da non perdere-la nuova linea ferroviaria ad alta velocità Pescara-Roma” tra i relatori Maurizio Gentile amministratore delegato e Dg di Rete Ferroviaria Italiana, Giuseppe De Rita presidente Fondazione Censis, Luigi Giampaolino presidente istituto grandi infrastrutture e presidente emerito della Corte dei Conti e il presidente della giunta regionale Marco Marsilio. “L’Abruzzo” spiega Iezzi “è in una condizione di guado, è finito un certo sviluppo caratterizzato dalle Autostrade e serve individuare nuovi collegamenti strategici”. Al riguardo sarebbero disponibili anche dei fondi: al momento circa un miliardo e 550 mila euro. Ma tante anche le ostilità al progetto. In ogni caso l’appuntamento per venerdì 27 settembre alle 17 al centro Pastorale diocesano sarà una occasione di confronto e conoscenza. (c.b.)

Cinzia Di Gesualdo lascia il Pd e aderisce ad Italia Viva

zac7.it

Cinzia Di Gesualdo lascia il Pd di Pratola Peligna per seguire Renzi in “Italia Viva” “Non ha mai fatto mistero delle sue simpatie per l’ex leader del Partito Democratico ed ex presidente del consiglio, Matteo Renzi” spiega il presidente di circolo Mattia Tedeschi “ e per questo non sorprende il fatto che Cinzia Di Gesualdo abbia deciso di seguire Renzi anche nel percorso del nuovo partito appena iniziato”. Da anni nel direttivo pratolano, è la prima ad annunciare l’adesione al neonato movimento di Renzi e la relativa scissione. “Scissione sofferta ma che” chiariscono, “colloca Italia viva nell’area di centro sinistra e quindi nello stesso campo di lotta politica. “Ci attiveremo per la costituzione di un circolo a pratola ma anche di un coordinamento di zona della valle Peligna, cercando di evitare ingressi poco chiari o ricollocazioni politiche dell’ultima ora”.

Scanno, i buoni propositi si sono vanificati ? siamo al dissesto?

corte-dei-conti

Scanno, e’ noto che la speranza e’ sempre l’ultima a morire ma le notizie di stampa (il centro, la piazza on Line) non fanno certo ben sperare.

La stagione invernale e’ alle porte tutti attendevano la ripartenza dell’intero bacino di Collerotondo ed invece arriva una nuova tegola per il paese.

Il bilancio comunale e’ tornato in rosso e quindi la priorita’ torna ad essere un piano di rientro con ulteriori sacrifici per i cittadini da condividere, riteniamo, con la Corte dei Conti.

Si conferma insomma il vecchio detto che tra il dire ed il fare c’e’ sempre il mare.  La domanda viene spontanea: e’ un problema di manico o bisogna prendere atto che va cambiato rotta e presa una strada nuova?

L’esperienza pregressa dovrebbe far capire che qui c’e’ certamente un problema di scelte strategiche da assumere che rispondano ad un semplice quesito: una piccola comunita’ come il nostro paese che continua a spopololarsi ce la puo’ fare ad affrontare tutte le sue numerose e complesse problematiche paragonabili a quelle di citta’ metropolitane?

Crediamo infatti che la fusione dei comuni della Valle del Sagittario potrebbe essere una delle risposte possibili. Occorre infatti  dare piu’ forza alle scelte locali da rappresentare nelle sedi centrali che come e’ noto, con il prossimo taglio dei parlamentari, sara’ sempre piu’ difficile far passare scelte dei comuni piu’ piccoli.

Serve una scossa.

Articolo la piazza 

Morandi, L’Aquila tornera’ gioiello. Cantante a concerto; Collemaggio emozionante

(ANSA) – L’AQUILA, 23 AGO – “E’ stato molto bello ed emozionante entrare dentro la basilica di Collemaggio perfettamente ricostruita e quindi un grandissimo piacere essere qua. E’ chiaro che ci sono ancora dello cose da fare però sono sulla buona strada, vedo che si sta facendo, L’Aquila tornerà a essere il gioiello che era”. Così Gianni Morandi, una dei big dello spettacolo dal “L’Aquila rinasce” che ha inaugurato la Perdonanza, nel suggestivo scenario del piazzale della basilica di Collemaggio dell’Aquila. Spettacolo che si è svolto nonostante la giornata caratterizzata da pioggia e freddo.
“Ricordo che dieci anni fa facevo degli spettacoli proprio da queste parti, il 4 e il 5 aprile, poi il 6 aprile ci fu questa drammatica e gravissima scossa, sembrava incredibile che una città fosse distrutta in quel modo. Terremoti del genere non erano così frequenti in Italia. Sono stato invitato dal maestro De Amicis, con il quale lavoro da 20 anni, a tornare qui nel decennale per interpretare uno spettacolo nel segno della rinascita”.