Roccaraso licenzia Equitalia

I primi risvolti  delle polemiche andate alla ribalta negli ultimi tempi!!!!

FORSE E’ GIUNTO IL TEMPO DI REGOLE PARITETICHE TRA ESATTORI E CONTRIBUENTI!!!!

FONTE ZAC7.IT

Roccaraso licenzia Equitalia

E’ il primo comune abruzzese a mettere alla porta la società di riscossione che tanti problemi sta creando agli italiani


Procedure troppo complesse: il Comune non rinnova l’incarico a Equitalia. E’ di pochi giorni la delibera di giunta con la quale il Comune affida il servizio di riscossione tributi per la Tarsu, alla società Abaco. “C’è necessità di riscuotere i tributi, anche in forma coattiva per il pregresso che, ovviamente, non riguarda chiaramente tutti i cittadini. E abbiamo deciso di non rinnovare l’incarico a Equitalia per motivi legati alla complessità delle procedure di riscossione adottate dalla società.” afferma il sindaco Francesco Di Donato. La necessità di affidarsi ancora a una società esterna, come scritto in delibera, è stata dettata dall’urgenza e dal timore “ della caduta in prescrizione di buona parte dei crediti maturati e delle sanzioni irrogate con conseguente danno erariale per l’ente”. E dalla necessità “di continuare a supportare l’attività degli uffici mediante l’affidamento a soggetto esterno di parte dell’attività operativa.” “L’obiettivo è di arrivare alla gestione diretta del servizio di riscossione tributi. Ancora meglio sarebbe la gestione del servizio associata con gli altri Comuni, utilizzando le risorse umane a disposizione con maggiori capacità che ottimizzerebbe ulteriormente i costi di gestione del servizio e la lotta all’evasione.” aggiunge il sindaco. Roccaraso si avvia quindi, come altri Comuni italiani, a chiudere le porte a Equitalia affidando in via provvisoria e sperimentale ad altra società, per il biennio 2012-2013, il servizio di riscossione tributi. Una scelta che ha fatto già registrare “un sensibile risparmio sui costi di gestione del servizio.” (l.m.)

Roccaraso licenzia Equitaliaultima modifica: 2012-05-24T20:30:00+00:00da vivrescanno
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento