Vivere Scanno… ascoltando i lettori. CARO AMICO TI SCRIVO!!

CARO AMICO TI SCRIVO!!!!

untitled

Gentile redazione del blog Vivere Scanno,
ho letto il vostro articolo  sulle tasse che stanno pesando sempre piu’ sulle nostre spalle!!
Pare comunque che le ragioni sono state ben chiarite   dal commissario che  scrive a pagina 19 della tanto ignorata relazione di fine mandato: “Le tariffe Tarsu sono state adeguate,relativamente all’anno 2012,per coprire i costi e salvaguardare gli  equilibri di bilancio e il funzionamento del servizio.”
Con questa manovra la copertura dei costi  del servizio passati dal 76% al 96%. La manovra si è resa necessaria in considerazione del fatto che il Comune aveva accumulato dei debiti verso il Cogesa di oltre 130.000 euro, costi sottostimati negli anni precedenti.
Con il bilancio 2013 detta somma è stata iscritta nelle poste da coprire con il recupero dell’evaso. Secondo il mio modesto parere in questa manovra la corte dei conti ha poco da ridire e quindi la richiesta fatta dal comune appare illeggittima. Il Commissario a fronte di un buco delle dimensioni citate ha aumentato le tariffe rimanendo sotto il 100% della spesa totale, quindi non esiste illecito arricchimento.
L’azione di recupero intrapresa quindi  è stata necessaria altrimenti il buco che si viene a creare scivola all’anno successivo dove c’è già il buco della mancata azione di recupero e così via fino ad oggi.
Non si capisce come   funzionari dello stato non abbiano colto tale necessità.
Cosa potrà mai dire la Corte dei Conti su una operazione finalizzata a ricreare gli equilibri di bilancio??

image

Cosa dire. Siamo pienamente daccordo. Sono mesi che lo diciamo al delegato alle finanze, purtroppo senza esiti, per evitare che qualche spicciolo voto possa far passare in secondo piano la razionalità. I cittadini pienamente insoddisfati da mesi e mesi stanno perdendo la voce gridando

image

Vivere Scanno… ascoltando i lettori. CARO AMICO TI SCRIVO!!ultima modifica: 2014-11-27T21:25:47+00:00da vivrescanno
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento