Scanno, la neve ha condizionato la chiusura delle feste

img_6166

Scanno. Le avverse condizioni climatiche hanno condizionato la riuscita delle manifestazioni. Diverse sono state le disdette e le rinunce. Anche la classica nanifestazione delle chezette ne ha risentito con diverse rinunce, solo un gruppo ha rispettato l’impegno.

In vero peccato in un anno in cui abbiamo registrato la insoddisfazione di taluni operatori per le ridotte presenze turistiche.

La crisi continua a farsi sentire e cresce la preoccupazione per il futuro. Si comincia a pensare intanto alla prossima tornata elettorale. Sembra che il candidato Sindaco ci sia (ne parleremo nei prossimi giorni)  attorno al quale ci sarebbero tutti quelli che hanno portato il paese al punto in cui siamo, non certo idilliaco anzi.

E’ proprio vero che non c’e’ peggior sordo di chi non vuol sentire. Non di capisce come si possa immaginate che essa possa costituire una soluzione. In tutto il mondo chi non ha fatto bene si cambia.

Gli impianti di collerotondo sono ancora fermi nonostante siano state rilevate dal Comune le lance per l’innevamento artificiale che comenque al momento non servirebbe. La grande nevicata (oltre il metro) e le temperature basse crediamo offrano le migliori condizioni per l’utilizzo delle piste

Crediamo che in un momento cosi’ delicato  gli stessi operatori, invece di rincorrere il salvatore della patria, debbano trovare una convergenza sulle innocazioni  da introdurre per rilanciare economicamente il nostro paese.  Occorre insomma guardare con molta attenzione a proposte di mercato che puntano, sul piano sociale, sulla valorizzazione delle nostre radici dintetizzate dal nostro costume e, sul piano commerciale, alla vendita dei prodotti locali attraverso un marchio tipico, che  prrmetta una piu’ rapida e diffusa penetrazione di mercato.

E’ proprio nei momenti piu’ bui che occorre guardare avanti !!

.

 

Scanno, la neve ha condizionato la chiusura delle festeultima modifica: 2017-01-08T17:40:10+00:00da vivrescanno
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento