Scanno… la Corte dei Conti ci descrive un paese malato che non vuole curarsi!!!

Dissesto finanziario

Sono mesi e mesi che chiedevamo un intervento terapeutico forte delle casse comunali che erano state prosciugate dalla perdita del finanziamento regionale degli 825 mila euro. Una situazione che l’operazione “riconoscimento dei debiti fuori bilancio” non aveva fatto altro che aggravare lo stato di salute delle sgangherate casse comunali.

La deliberazione della Corte dei Conti ci pare che le abbia confermate, infatti afferma in un passo della delibera:

Anche con riferimento a tale criticità, l’Ente non ha presentato misure correttive idonee a rispristinare una corretta gestione finanziaria.
Sul punto, occorre altresì precisare che, secondo quanto comunicato dal Sindaco e dal Responsabile dell’area finanziaria, una quota rilevante di pagamenti inerenti al mutuo concesso dalla Carispaq sono relativi a spese di carattere corrente (assicurazione, bollette servizio energia elettrica, affitto impianti) con conseguente violazione del principio di cui all’art. 119 del Costituzione. Non è stato possibile, tuttavia, accertare in via diretta tale violazione in quanto l’Ente, nonostante la specifica richiesta istruttoria in tal senso, non ha provveduto alla trasmissione delle determine di liquidazione dei pagamenti finanziati dal mutuo CARISPAQ e dal contributo regionale n. impegno 449 del 31/12/2005 richieste il 14/11/2014.”

Non si comprende come in una situazione cosi’ grave non si sia fatto un piano di rientro prevedendo il finanziamento in primo luogo di spese assolutamente indispensabili per dare i servizi essenziali tagliando immediatamente le spese superflue.

Scanno… la Corte dei Conti ci descrive un paese malato che non vuole curarsi!!!ultima modifica: 2014-12-29T14:41:14+00:00da vivrescanno
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento