SCANNO … l’EX MAGGIORANZA CONTINUA A PREDICARE… NON C’E’ PEGGIOR SORDO DI CHI NON VUOL SENTIRE!!N LA

… sembra proprio che la ex Maggoranza non voglia comprendere i danni prodotti con il suo modo di governare e soprattutto non vuol prendere atto dell’AZIONE MERITORIA DI RISANAMENTO CHE STA PORTANDO AVANTI IL COMMISSARIO. NOI NE SIAMO PIENAMENTE CONSAPEVOLI CHE PER IL BENE DI SCANNO … DOPO IL COMMISSARIO ANCORA IL COMMISSARIO!!!!

Ci domandiamo perché la ex Maggioranza non ha fatto quel che sta facendo il COMMISSARIO??

Perchè non ha pensato a coprire le spese fuori bilancio più volte sollecitato ???

Perché, invece di far pagare al Comune spese non dovute, non ha aperto un tavolo con Sciare a Scanno per comporre la situazione???

Perché, invece di raccontare favole che hanno portato alla revoca del finanziamento regionale,   non ha aperto un tavolo interistituzionale per risolvere i problemi del bacino di collerotondo ed in particolare degli 825 mila euro?

Perché, prima di adottare la compensazione IVA, non si è confrontatta con l’Agenzia delle Entrate per verificare la corettezza della procedura?

Perchè, come abbiamo sollecitato da tempo, non ha provveduto, invece di aumentare le tasse,  ad attivare tempestivamente la differenziata della raccolta dei rifiuti solidi urbani e di conseguenza  rivedere il contratto con il CoGeSa con la relativa riduzione del canone come più volte solecitato ?

Perchè… perché … una infinità sarebbero i perché delle cose fatte male e non fatte… NOI UNA RISPOSTA L’ABBIAMO PIU’ VOLTE DATA E RICONFERMIAMO.

Perché “UN CONTO E’ PREDICARE E UN CONTO E’ FARE…” che per dirla con un vecchio proverbio si può tradurre così

“TRA IL DIRE E IL FARE C’E’ DI MEZZO IL MARE”!!!

 


 

Dalla Piazza on line già organo di stampa ufficiale della EX MAGGIORANZA

^^^

Il Commissario smentisce A. Fusco

E’ stato presentato ieri dal Rag. C. Spacone a tutte le Associazioni che operano a Scanno, il bilancio di previsione per l’anno 2012. Presente il Commissario, dott. Conti, che ha introdotto la riunione. Nel corso del dibattito è emerso con assoluta chiarezza quella che è la realtà dei fatti su un tema che da oltre un anno è stato descritto prossimo al dissesto con buchi di milioni di Euro dalle opposizioni e dai Cons. A. Fusco, Aldo Tarullo, R. Pizzacalla che hanno unito i loro voti a L. Silvani, D. Mastrogiovanni, M.P. Silla ed A. Silla per provocare lo scioglimento del Consiglio comunale a pochi mesi dalla sua scadenza naturale. Invece il bilancio di previsione gode di buona salute come ha spiegato il Rag. Spacone, sotto lo sguardo vigile del Commissario e che l’anno prossimo starà ancora meglio perchè, a dicembre, sarà pagata l’ultima rata di un mutuo di 52 mila Euro con il quale furono assegnate copiose risorse alla Bacini da investire a Collerotondo e grazie ai proventi che giungeranno con la realizzazione dell’impianto fotovoltaico già appaltato dall’ Amministrazione Giammarco. Sono stati previsti 120 mila Euro per debiti fuori bilancio la maggior parte dei quali dovuti per spese legali accumulate sin dagli anni ottanta (Ottanta!). “Il buco” è stato finanziato con quell’avanzo di amministrazione riportato nei conti consuntivi bocciati per ben due volte dal Consiglio comunale grazie all’attivismo degli sfasciacarrozze nostrani. Con tutto il rispetto, si intende, per chi fa questo mestiere per viverci. E’ stato predisposto un piano di rientro per i 300 mila Euro dovuti al Cogesa. Debito accumulato negli anni 2005, 2006, 2007, 2008. L’aumento dell’IMU si è reso necessario perchè con la manovra Monti del luglio scorso al Comune di Scanno sono stati trasferiti 115 mila Euro in meno di quelli previsti. Mentre l’aumento del 30% della RSU è derivato da un obbligo previsto specificamente dalla legge che impone ai Comuni di pareggiare la spesa necessaria per il servizio di raccolta e smaltimento degli RSU proprio come la passata Amministrazione ha in ogni occasione con forza sostenuto ma senza alcun successo. Nulla ha potuto contro la fanatica demagogia imperante che ha accompagnato le Opposizioni in Consiglio e nel Paese con in testa il PD.  Parrebbe che con l’ultimo aumento della RSU entrerebbe nelle casse comunali più di quanto uscirebbe. Per quanto riguarda poi la questione dell’IVA, registriamo una pesante denuncia da parte del Commissario dott. Conti il quale, senza giri di parole, ha accusato i partiti (quali!!!) che operano a Scanno di aver inoltrato ricorsi e denunce presso l’Agenzia delle entrate e fino a quando essa non risponderà quelle risorse non potrebbero essere utilizzate. Stiamo parlando di 540 mila Euro! Non di bruscolini! Sull’argomento è intervenuto G. Mastriovanni, ex sindaco di Scanno, il quale ha espresso perplessità in merito a quanto fatto l’Amministrazione Giammarco. Finalmente è stata definitivamente chiarita anche la questione delle bollette Enel riguardanti il bacino sciistico non pagate dal Comune in quanto ad esso intestate. E’ stato chiesto al Commissario perchè in questi due anni il Comune non ha proceduto alla volturazione delle utenze come prevede espressamente il contratto stipulato e sottoscritto tra il Comune di Scanno e la società Sciare a Scanno. Il Commissario ha replicato che a chiedere la volturazione non poteva essere il Comune ma bensì il concessionario e che a breve la questione dovrebbe essere risolta. E’ stato fatto inoltre presente, in merito sempre all’argomento bollette non pagate sulle quali ha fatto scandalismo a buon mercato l’ex cons. Fusco seguito da tutta l’allegra compagnia, come il contratto preveda altresì anche la possibilità che le spese necessarie al funzionamento del bacino effettuate da Sciare a Scanno, possano essere riconosciute e compensate  tra il Concessionario ed il Concedente. Il Commissario ha informato i presenti che su questo argomento è stato aperto un tavolo di confronto con la società “Sciare a Scanno” per un componimento condiviso e responsabile della questione. Molti sono poi stati gli interventi attraverso i quali i rappresentanti delle Associazioni hanno chiesto chiarimenti e notizie. Per la Cotas il dott. G. Marone ha ringraziato il Commissario per non aver penalizzato il turismo in maniera eccessiva con le tasse. Pasquale Cetrone, in rappresentanza del centro Anziani, ha fatto osservare come in questo anno ai cittadini di Scanno sia stato chiesto un sacrificio che sfiora il milione di Euro sperando che non si vada oltre. Per la CRI è intervenuta la sig. M. Paola Colaneri che ha chiesto notizie al Commissario in merito all’acquisto della nuova ambulanza come già deliberato dalla passata Amministrazione in quanto, con i mezzi attualmente in possesso della CRI, è diventato quasi impossibile garantire il servizio. Molto chiaro e diretto il Commissario il quale ha richiamato i presenti a prendere definitivamente atto che i tempi sono cambiati e che i Comuni non possono più intervenire a sostegno del Volontariato. E’ stato toccato anche il tema della perdita di ben otto posti di lavoro che facevano capo alla Coop. A. Sagittario ed è stato chiesto al Commissario perchè non si è provveduto a fare una proroga nelle more dello svolgimento della pubblica evidenza. Il dott. Conti ha replicato dicendo che non è stato possibile in quanto una scelta del genere avrebbe comportato un aumento della spesa per il personale e questo è vietato dalla legge. Gli è stato fatto osservare che si stava parlando di servizi esternalizzati che nulla hanno a che vedere con la spesa del personale. Ma il Commissario è rimasto fermo sulle sue posizioni. Peccato. Il Commissario ha annunciato poi una smentita su quanto sostenuto dall’ex Cons. comunale A. Fusco il quale, in un suo comunicato stampa, ha retoricamente chiesto: Che fine hanno fatto i 240mila euro versati dagli Scannesi per i nuovi loculi?”  “Gli scannesi”, ha dichiarato il Rag. Spacone, “hanno versato circa 50 mila Euro e non 240 mila come sostenuto da Fusco”. Ma di che si stupiscono il Rag. Spacone ed il dott. Conti? Amedeo è fatto così. Non fidandosi di nessuno, la spara grossa solo per il gusto di vedere l’effetto che fa. Quando – sia il bilancio di previsione che i conti consuntivi relativi all’esercizio del 2011, bocciati per ben due volte dal Consiglio comunale grazie al salto della quaglia degli ex Cons. Fusco, A.Tarullo, R. Pizzacalla che hanno unito i loro voti a quelli dei Cons. di opposizione Silvani, Mastrogiovanni, Silla M. P., Silla A., pur di mandare a casa l’odiata amministrazione Giammarco e far conoscere a Scanno l’onta del Commissario che ci costa circa 4 mila Euro al mese – saranno approvati speriamo che si renderanno conto, insieme al segretario del PD di Scanno, del cocente fallimento politico ma soprattutto del gravissimo danno che hanno irresponsabilmente ed inutilmente provocato alla nostra Scanno. Ma se le cose stanno così e stanno così perchè confermate e non smentite nè dal Commissario, nè dal Rag. Spacone perchè hanno fatto il diavolo a quattro pur di mandare a casa l’Amministrazione Giammarco? Forse perchè stava lavorando troppo bene per Scanno ed il suo futuro?

P. Giammarco

C. Giansante

C. Nannarone

G. Tarullo

S. Tarullo

E. Gentile

Già Consiglieri di maggioranza

SCANNO … l’EX MAGGIORANZA CONTINUA A PREDICARE… NON C’E’ PEGGIOR SORDO DI CHI NON VUOL SENTIRE!!N LAultima modifica: 2012-10-28T10:40:00+00:00da vivrescanno
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento