Scanno…il TAR chiarisce il Commissario puo’ compiere ogni atto spettanti all’Ente locale!!!

Sulla possibilità da parte del Commissario Prefettizio di compiere tutti gli atti spettanti agli organi dell’Ente locale ivi compresa la sostituzione dei membri del Consiglio di Amministrazione di un’azienda speciale.

 

Tar Bari, sentenza n. 672 del 21 marzo 2008.

 

FRANCESCO NAVARO *
 

 

 


Le nomine, le designazioni e le revoche dei rappresentanti del Comune presso enti, aziende, ed istituzioni, attribuite alla competenza del Sindaco dall’art. 50, ottavo comma del dlgs n. 2667/2000, hanno carattere fiduciario. Il Commissario nominato dal prefetto, per la gestione provvisoria del Comune, a seguito della sospensione del consiglio comunale dallo stesso disposta in conseguenza delle dimissioni della maggioranza dei consiglieri, ha il potere di compiere tutti gli atti spettanti agli organi dell’ente ivi compresa la sostituzione dei membri dei membri del consiglio di amministrazione di un’azienda speciale.


Sono queste in sintesi le conclusioni cui è pervenuto il Tar Bari con la sentenza n. 672 del 21 marzo 2008.


La vicenda esaminata dai giudici amministrativi trova il suo incipit nel ricorso di alcuni componenti del consiglio di amministrazione di un’ azienda speciale contro il provvedimento del Commissario Prefettizio il quale disponeva che la gestione della stessa sarebbe stata da lui assicurata con la collaborazione di sub commissari , in sostituzione del consiglio di amministrazione decaduto.


La nomina del Commissario in questione si era resa necessaria a seguito della sospensione del consiglio comunale disposta dal Prefetto in conseguenza delle dimissioni della maggioranza dei consiglieri comunali e in attesa dello scioglimento dell’organo consiliare.


Il Tar richiama il disposto dell’art. 50, 8° comma del D.Lgs. 8 agosto 2000, n.267, che assegna al Sindaco il potere di procedere alla nomina, alla designazione ed alla revoca dei rappresentanti del Comune presso enti, aziende ed istituzioni sulla base degli indirizzi stabiliti dal Consiglio comunale.


La prevalente giurisprudenza amministrativa, come rimarcato dai giudici baresi, ha ritenuto che tali nomine e designazioni debbono considerarsi sicuramente di carattere fiduciario, nel senso che riflettono il giudizio di affidabilità espresso, attraverso la nomina, sulle qualità e le capacità tecniche e professionali del nominato di rappresentare gli indirizzi di chi l’ha designato, orientando l’azione dell’organismo nel quale si trova ad operare in senso quanto più possibile conforme agli interessi di chi gli ha conferito l’incarico (cfr., ex multis CdS, V, 12 agosto 2004, n.5552; T.A.R Puglia, Bari 26.4.2001, n. 1314; T.A.R Sardegna, 19.3.2003, n.311).


Ne consegue, pertanto, ad avviso dei giudici amministrativi, che la cessazione del mandato del Sindaco o lo scioglimento del Consiglio comunale, finiscono inevitabilmente con il travolgere tutte le nomine effettuate durante il mandato elettivo (cfr., CdS 28 maggio 2005, n. 178, T.a.r Marche 4 aprile 2006 n. 118).


Non vi è dubbio che, alla scadenza del mandato elettivo del Sindaco che ha provveduto alla nomina, quale che ne sia la causa, anche se l’incarico non è ancora scaduto alla stregua delle norme che regolano il funzionamento amministrativo dell’Ente di destinazione, esso viene comunque a cessare, dovendo necessariamente essere oggetto di rinnovo da parte del nuovo Sindaco.


Il collegio giudicante precisa anche che la permanenza nell’incarico dei rappresentanti del Comune presso enti aziende, istituzioni, non costituisce un diritto del nominato, essendo condizionata dalla sussistenza del rapporto fiduciario con l’ente di cui sono espressione.


Nel caso di specie, non di iniziativa del nuovo Sindaco si è trattato, ma di un provvedimento del Commissario Prefettizio adottato in periodo di sospensione del consiglio comunale, prodromica al suo scioglimento ed alla conseguente nomina del Commissario straordinario.


Non vi è dubbio, infatti, ad avviso dei giudici, che il mandato degli organi elettivi del comune, possa cessare oltreché per la sua naturale scadenza, anche per le altre cause previste dal dlgs n. 267 del 2000, tra cui quella che nella fattispecie ha interessato il Comune in questione e che è disciplinata dall’art. 141 comma 1 lett. b) n. 3 del Tuel.


I casi previsti dall’art. 141 del testo unico enti locali corrispondono ad altrettante ipotesi patologiche del funzionamento degli organi elettivi, corrispondenti, tra le altre, a gravi violazioni di legge, al compimento di atti contrari alla Costituzione ad all’impedimento al loro normale funzionamento.


Il verificarsi di tali situazioni comporta, secondo il Tar pugliese, un’ alterazione dell’assetto politico istituzionale, creatosi a seguito delle consultazioni elettorali e l’art.141, al suo comma 7, prevede che, avviata la procedura di scioglimento, il Prefetto possa, per gravi ragioni, anche sospendere il consiglio comunale in attesa del decreto del Presidente della Repubblica di scioglimento.


Il decreto che dispone lo scioglimento del Consiglio comunale e la nomina del Commissario straordinario, assegna a questi i poteri spettanti al Consiglio comunale, alla Giunta ed al Sindaco.


Di conseguenza il Commissario può compiere qualunque atto di ordinaria e straordinaria amministrazione ed in ogni caso, qualora egli ne ravvisi la necessità, può anche adottare tutti gli atti ritenuti necessari per il funzionamento dei servizi comunali.


L’avvio della procedura spetta quindi al Prefetto che nomina un Commissario fino alla conclusione del procedimento di scioglimento che termina con decreto del Presidente della Repubblica su proposta del Ministro dell’Interno. Di norma, la gestione del Comune, affidata al commissario prefettizio, continua con il commissario straordinario nella stessa persona scelta dal Prefetto per la gestione provvisoria.


Orbene, una volta insediato, l’organo straordinario, può compiere tutti gli atti spettanti agli organi dell’ente, ivi compresa la sostituzione dei membri del consiglio di amministrazione di un’azienda speciale.


Posto che le nomine dei membri del consiglio di amministrazione dovevano considerarsi travolte dallo scioglimento del consiglio comunale, è legittima, secondo i giudici pugliesi, la scelta del Commissario di assicurare l’amministrazione dell’azienda provvedendovi senza nominare altri soggetti, che sarebbero stati poi sostituiti dal nuovo sindaco risultante vincitore a seguito delle consultazioni elettorali.


Il provvedimento del Commissario Prefettizio, secondo il Tar, va qualificato più propriamente come atto “notiziale” della decadenza dei relativi incarichi intervenuta “ope legis”, dal momento che il nuovo Sindaco è tenuto per legge a procedere alla rinnovazione delle nomine e delle designazioni (art. 50, comma 9 dlgs n. 267/2000).


Pertanto, secondo il Tar, nel caso di specie deve ritenersi non censurabile sotto il profilo della legittimità, la scelta del Commissario di provvedere personalmente , per il periodo transitorio, alla gestione dell’azienda.

Scanno…il TAR chiarisce il Commissario puo’ compiere ogni atto spettanti all’Ente locale!!!ultima modifica: 2012-09-03T19:02:00+00:00da vivrescanno
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento