Scanno, il direttivo Cotas ha diffuso un comunicato circa la riunione con l’Amministrazione!

cropped-cropped-logo-vivere-scanno.jpgScanno. Riunione interlocutoria tra Amministrazione e Cotas che sembrava volesse proporre un piano di azione di medio lungo termine.

Una sorta di piano industriale condiviso con l’Amministrazione comunale.
Tutto sembra rinviato alla prossima  riunione, di cui va definita la data, che dovrebbe entrare nel merito dei nodi da sciogliere ed in primo luogo chi si prende carico di gestire il bacino di collerotondo nel prossimo decennio.

Non ci resta che attendere.

IMG_6309
Il DIRETTIVO COTAS CONFERMA LE INDISCREZIONI SUGLI ESITI DELL’INCONTRO CON L’AMMINISTRAZIONE

Lo scorso 29 gennaio presso gli uffici del Sindaco del Comune di Scanno si è svolta una riunione fra i rappresentanti dell’amministrazione comunale e il direttivo Cotas.

Durante l’incontro sono stati serenamente chiariti alcuni punti che in precedenza avevano generato attriti fra istituzione e imprenditori; si è individuata una strategia comune volta al conseguimento di concreti risultati idonei a far fronte al preoccupante calo delle presenze turistiche e alla carenza di servizi presenti nella nostra area.

È scaturita la volontà di lavorare insieme uniti per un unico fattivo risultato, ed è stata fissata per i prossimi giorni una nuova riunione durante la quale verranno messe a punto una serie di progettualità a breve e a lungo termine. Successivamente, ci si riunirà con tutti gli operatori ed esercenti di Scanno per un confronto su quanto programmato e per valutare eventuali ulteriori suggerimenti e proposte.

È convinzione di tutti che solo lavorando insieme con programmi e obiettivi comuni si potranno ottenere risultati concreti, tali da consentire il risollevarsi dell’attuale precaria situazione economica e turistica scannese.

IL DIRETTIVO C.O.T.A.S.

 

Scanno, il direttivo Cotas ha diffuso un comunicato circa la riunione con l’Amministrazione!ultima modifica: 2017-02-03T00:33:56+00:00da vivrescanno
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento