Scanno… gestore degli impianti di collerotondo cercasi!!

IMG_5894

La cosa che colpisce e’ la notizia sullo smontaggio delle canne per l’innevamento artificiale che sarebbe legato al mancato pagamento del canone. Un fatto strano visto che c’e’ un bando in corso.
Auspichiamo che dalla casa comunale vengano presto i dovuti chiarimenti!!!

Il centro – Scanno, impianti sciistici senza gestore

SCANNO. Gli amministratori municipali a Scanno sono in cerca di un nuovo gestore degli impianti sciistici di Monte Rotondo, ma intanto il bacino perde i cannoni per la neve artificiale. La società proprietaria delle attrezzature ha rimosso dalle piste del comprensorio i cannoni che fino a due anni fa hanno garantito l’innevamento artificiale sulle piste. È non è da escludere che tale decisione possa essere legata al mancato versamento del canone di affitto che il Comune aveva, invece, pagato lo scorso anno sebbene gli impianti fossero chiusi. Intanto, il Comune è in cerca di un concessionario per gli impianti ex Valle Orsara, mentre per la seggiovia di arroccamento su Colle Rotondo – di proprietà della Provincia ma gestita dal Comune – la durata dell’esercizio scadrà il 30 settembre del prossimo anno. Rischiano così di rimanere fermi per il secondo anno consecutivo gli impianti del bacino sciistico di Monte Rotondo. L’amministrazione comunale, pur avendo approvato il progetto di “stabilizzazione”, che prevede una concessione ventennale degli impianti, è nuovamente alla ricerca di un gestore che garantisca l’apertura della stazione durante la prossima stagione invernale. L’intento del Comune, fino allo scorso anno, era quello di puntare su una gestione ventennale del bacino di Monte Rotondo, ma finora non c’è stata neppure la pubblicazione del bando per la ricerca di un concessionario interessato alla proposta. Fermi anche i lavori di manutenzione generale della seggiovia di arroccamento su Colle Rotondo.

Scanno… gestore degli impianti di collerotondo cercasi!!ultima modifica: 2016-10-08T03:10:04+00:00da vivrescanno
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento