Scanno… Decadenza dei rappresentanti del Comune negli enti con l’avvento del commissario?

Da giorni leggiamo del tema della decadenza dell’ex Capogruppo di Maggioranza nella comunita’ montana peligna.
A vedere le tante poltrone di nomina politica ricoperte dall’ex Capogruppo a noi pare riduttivo chiedere la decadenza solo dalla Comunita’ montana.
E’ di tutta evidenza che i rappresentanti del consiglio negli Enti – al di la’ della lettura normativa – ha l’obiettivo di coordinare l’azione dell’Ente con quella del Consiglio; funzione che ovviamente e’ superata nei fatti con la nomina del commissario che e’ notorio a tutti assume i poteri del Sindaco, della Giunta, del Consiglio.
Da cio’ si comprende come e’ assolutamente incompatibile, ma diremmo anche non etico, la permanenza negli Enti di consigleri comunali decaduti con il commissariamento.
Una decadenza che sottoliniamo e’ particolare e non va confusa con le altre tipologie di decadenza in quanto il Commissario, costituendo una sorta di certificato della incapacita’ di una comunita’ ad autogovernarsi, di fatto sospende ogni rappresentanza politica sia all’interno della Casa comunale che ovviamente negli Enti ad esso collegati.
Pensiamo che sia di tutta evidenza l’incoerenza di un ex Capogruppo che continuerebbe a coordinare la politica del Comune di Scanno in Enti esterni dopo che il comune e’ stato commissariato proprio per la incapacita’ della ex maggioranza di portare a termine il mandato di governare il paese.
Vista la palese stortura pensiamo che prima di tutto verificheremo se gli Enti interessati hanno provveduto alla revoca dei nostri rappresentanti politici (ovviamente tutti) e, in caso negativo, provvederemo ad informare gli organi competenti per l’adozione dei necessari provvedimenti.

Scanno… Decadenza dei rappresentanti del Comune negli enti con l’avvento del commissario?ultima modifica: 2012-09-01T10:14:00+00:00da vivrescanno
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento