Scanno… dal giornale “centro.it” la notizia di accertamenti in corso per il credito IVA!!!!

Apprendiamo la notizia di un accertamento da parte della Agenzia delle Entrate sulla procedura adottata dalla ex Giunta Giammarco volta a recuperare il Credito IVA derivanti da operazioni “con carateristiche di impresa” che sarebbero state svolte dal Comune di Scanno.

Una procedura che rischiosa vista appunto la natura dell’operazione che auspichiamo non produca “ulteriori danni  alle Casse comunali” già di per se lasciate in sofferenza.


 

 

agenzia entrate

Scanno, indagini in municipio per l’Iva da recuperare

 

SCANNO. I funzionari dell’Agenzia delle entrate dell’Aquila hanno avviato un accertamento nei confronti del Comune di Scanno per un credito Iva vantato dal Fisco di oltre 521mila euro. Gli uffici…

 

 

 

     
   
Email
 

 

SCANNO. I funzionari dell’Agenzia delle entrate dell’Aquila hanno avviato un accertamento nei confronti del Comune di Scanno per un credito Iva vantato dal Fisco di oltre 521mila euro. Gli uffici finanziari municipali, che già da qualche anno stanno recuperando tale somma con operazioni finanziarie di compensazione come predisposto dall’amministrazione comunale guidata dall’ex sindaco Patrizio Giammarco, nei giorni scorsi hanno ricevuto la comunicazione ufficiale della verifica. L’accertamento sembra scaturito a seguito di alcune denunce riconducibili anche ad esponenti politici di Scanno. «Ma la cosa più strana è che la compensazione, oggi oggetto di accertamento» commenta l’ex sindaco Giammarco «è stata regolarmente autorizzata proprio dai responsabili dell’Agenzia delle entrate il 13 gennaio del 2011». Lo scorso gennaio l’ex sindaco è stato già sentito a seguito di una convocazione da parte dei funzionari. Le somme recuperate e ora sotto controllo si riferiscono ad un credito maturato dal 2006. (m.lav.)

Fonte: il Centro.it

Scanno… dal giornale “centro.it” la notizia di accertamenti in corso per il credito IVA!!!!ultima modifica: 2012-11-19T19:05:00+00:00da vivrescanno
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento