Scanno, contributo della Bper per salvare lo storico asilo

image
L’Asilo “Buon pastore” di Scanno, gestito da 61 anni dalle suore dell’Ordine figlie di Maria Ausiliatrice, ha avuto un significativo sostegno dalla Banca popolare dell’Emilia Romagna (Bper Banca). La notizia viene dal centro che ha evidenziato le difficolta’ economiche dell’associazione dovute alle ingenti spese necessarie per eseguire le manutenzioni straordinarie.

(Il centro) SCANNO. Tra i sostenitori dell’asilo “Buon pastore” di Scanno, gestito da 61 anni dalle suore dell’Ordine figlie di Maria Ausiliatrice, c’è anche la Banca popolare dell’Emilia Romagna (Bper Banca). I vertici dell’istituto hanno deciso di donare oltre 3mila euro all’omonima associazione proprietaria della grande struttura che ospita tra l’altro anche la scuola materna del paese. Dopo l’allarme per il rischio chiusura, in paese è scattato il piano di salvataggio dell’edificio e la banca – che ha assorbito la Carispaq – ha voluto elargire un contributo per evitare la perdita della struttura religiosa. L’ipotesi della chiusura dello storico asilo un anno fa era tornata a farsi concreta per le numerose difficoltà economiche. Sempre meno le risorse a disposizione, troppe le spese da sostenere per la struttura di proprietà dell’associazione per l’asilo d’infanzia “Buon pastore”, eretto ente morale nel 1955. L’associazione ha per scopo la formazione morale e religiosa della gioventù di Scanno. Il contributo della banca servirà a finanziare i lavori di frazionamento dell’impianto di riscaldamento dell’edificio.

Scanno, contributo della Bper per salvare lo storico asiloultima modifica: 2016-01-03T19:50:30+00:00da vivrescanno
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento