A Scanno c’è chi vuol dare la cittadinanza onoraria all’orsa Gemma

La proposta arriva dal pasticcere Angelo Di Masso, noto per il suo “Pan dell’Orso
image

(Cronaca del centro)PESCARA. Diamo la cittadinanza onoraria all’orsa Gemma: è l’appello rivolto al sindaco di Scanno dal pasticcere Angelo Di Masso, noto per il suo “Pan dell’Orso”, soffice impasto di mandorle e miele ricoperto di cioccolato. Altroché allontanarla, come chiedono con una petizione 600 abitanti del borgo abruzzese. «Il nostro paese – scrive Di Masso al primo cittadino, Pietro Spacone – è noto nel mondo non solo per la sua bellezza architettonica, i monti, il lago a forma di cuore che divide con la vicina Villalago, ma anche per la presenza costante di Gemma, in paese e nella frazione di Frattura».
«Ricordiamo a tutti – scrive ancora Di Masso – che nel Parco nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise non ci sono molte femmine come Gemma. Oltre ai guardia parco e alla Forestale dobbiamo proteggerla anche noi, cittadini di Scanno e spero, un giorno, suoi concittadini». Il sindaco ha accolto con un certo stupore l’iniziativa. «Da tempo stiamo lavorando con atti ufficiali e delibere per tutelare la presenza dell’orso sul nostro territorio – spiega Spacone – Tuttavia posso affermare che valuteremo la proposta insieme ai capigruppo e se la riterremo utile ed efficace per il bene e l’immagine del nostro paese la porteremo in Consiglio comunale a cui spetterà l’ultima parola, come prevede il regolamento».

A Scanno c’è chi vuol dare la cittadinanza onoraria all’orsa Gemmaultima modifica: 2014-09-05T13:11:18+00:00da vivrescanno
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento