SCANNO… “QUANDO LA SENTENZA PENALE ASSOLUTORIA HA EFFICACIA DI GIUDICATO IN SEDE CIVILE?”

 Un quesito certamente non facile al quale forse un articolo ripreso da Internet “QUANDO LA SENTENZA PENALE ASSOLUTORIA HA EFFICACIA DI GIUDICATO IN SEDE CIVILE”    (LEGGI ARTICOLO COMPLETO)  ha dato una risposta sul tema.

PENALe

Senza voler entrare nel merito di questioni giuridiche riportiamo solo un  passo dell’articolo che evidenzia un utile principio e cioè  che …  mentre il giudice del dibattimento esprime il suo convincimento in termini di condanna o di assoluzione, il GUP (Giudice Udienza Preliminare) pronuncia sentenza di non luogo a procedere quando gli elementi acquisiti siano insufficienti a sostenere l’accusa in giudizio. Sicché, in questo caso, il giudice civile, pur tenendo conto degli elementi di prova acquisiti in sede penale, deve interamente ed autonomamente rivalutare il fatto in contestazione”.

 Un argomento che non ci pare sia stato oggetto della deliberazione n. 69 del 28-12-13 che non pubblichiamo per le ragioni di privacy in essa richiamate  ma che  non ci sembrano applicate “nella sostanza”. Di conseguenza segnaliamo al responsabile dell’ALBO di voler  provvedere in tal senso!!!

Un delibera che, in ogni caso, conferma quanto male facciano al paese  “la litigiosità e le contrapposizioni ” che pensiamo aiutino solo “gli avvocati”. Come è possibile infatti che i cittadini, peraltro con una situazione critica delle casse,  si debbano fare carico di spese legali connesse ad iniziative di amministratori che, ci pare,  nulla hanno a che vedere con quelle doverose da porre in essere per aiutare il paese a star meglio.

Siamo assolutamente consapevoli che “una corretta democrazia” si fonda su una dialogo critico e cotruttivo sugli atti prodotti da una una Amministrazione che devono garantire la massima trasparenza e correttezza. Una trasparenza e correttezza che va messa concretamente in atto attuando le previsioni dello statuto.

DICIAMO BASTA AI PERSONALISMI …  SCANNO HA BISOGNO DI ALTRO!!!!

 

 

 

 

 

“QUANDO LA SENTENZA PENALE ASSOLUTORIA HA EFFICACIA DI GIUDICATO IN SEDE CIVILE” – Paolo M. STORANI Storani Paolo

Prendendo spunto da una recente ed inedita sentenza emanata il 24 ottobre 2012 dal Tribunale Civile di Macerata – Sezione Distaccata di Civitanova Marche – Est. Quirino CATURANO riannodiamo i fili della disamina sui rapporti processo penale/giudizio civile.

“In via preliminare va precisato – esordisce il Dr. Caturano – che, benché le parti convenute abbiano insistito sostenendo la immediata incidenza della sentenza resa dal Giudice penale nell’ambito del giudizio civile, in questo non ha efficacia di giudicato la sentenza, ex art. 425 c.p.p. di non luogo a procedere …perché il fatto non sussiste, del 24 aprile/23 maggio 2002, passata in giudicato il 29 giugno 2002, resa dal Giudice dell’udienza preliminare, del Tribunale di Macerata, n. 151/02.

A parte ogni altra considerazione, è sufficiente osservare che, secondo il condivisibile indirizzo delle Sezioni Unite (Corte di Cassazione, Sez. Unite Civili, sentenza n. 1768/11, depositata il 26 gennaio 2011), la disposizione di cui all’art. 652 c.p.p. (così come quelle di cui agli artt. 651, 653 e 654 del codice di rito penale) costituisce un’eccezione al principio dell’autonomia e della separazione dei giudizi penale e civile, in quanto tale soggetta ad un’interpretazione restrittiva e non applicabile in via analogica oltre i casi espressamente previsti.

Ne consegue che la sola sentenza penale irrevocabile di assoluzione (per essere rimasto accertato che il fatto non sussiste o che l’imputato non lo ha commesso o che il fatto è stato compiuto nell’adempimento di un dovere o nell’esercizio di una facoltà legittima) pronunciata in seguito a dibattimento ha efficacia nel giudizio civile o amministrativo per le restituzioni ed il risarcimento del danno, mentre alle sentenze di non doversi procedere perché il reato è estinto per prescrizione o per amnistia non va riconosciuta alcuna efficacia extrapenale, benché, per giungere a tale conclusione, il giudice abbia accertato e valutato il fatto.

Infatti, l’ambito cognitivo del giudice penale nel caso di sentenza di non luogo a procedere non corrisponde, neppure per quel che concerne la pronuncia liberatoria, a quello del giudice del dibattimento, perché le formule terminative del giudizio dibattimentale non sono applicabili in questa fase: mentre il giudice del dibattimento esprime il suo convincimento in termini di condanna o di assoluzione, il GUP pronuncia sentenza di non luogo a procedere quando gli elementi acquisiti siano insufficienti a sostenere l’accusa in giudizio.

Sicché, in questo caso, il giudice civile, pur tenendo conto degli elementi di prova acquisiti in sede penale, deve interamente ed autonomamente rivalutare il fatto in contestazione”.

SCANNO… “QUANDO LA SENTENZA PENALE ASSOLUTORIA HA EFFICACIA DI GIUDICATO IN SEDE CIVILE?”ultima modifica: 2014-01-13T18:45:53+00:00da vivrescanno
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento