RENZI, IL NUOVO PD CHE AVANZA MA……… IL VECCHIO FRENA!!!

image

Il rischio ovviamente è sempre latente. C’è infatti sempre chi tira faticosamente la carretta e chi non trova di meglio che mettere i bastoni fra le ruote per ostacolarne l’avanzamento.

Una storia che pare ripetersi. I sintomi sembrano ormai chiari e si evidenziano in modo diversa. C’è infatti chi si accontenza e cerca semplicemente di riciclarsi sventolando  la propria bandiera  e c’è chi invece non ne vuole  sapere di perdere rendite di posizioni acquisite. Due facce della stessa medaglia che mostrano che non c’è la volontà  di porsi al servizio di un processo di  rinnovamento facendo qualche piccolo passo indietro.

Il processo rinnovatore infatti non può che essere portato avanti da chi ci crede pienamente e non certo da chi  è più avvezzo a salire sul carro del vincitore in cambio di qualche posticino in attesa di tempi migliori. I napoletani direbbero “Ha da passa’ ‘a nuttata” mentre Leopardi  ci dice di aspettare  “la quiete dopo la tempesta”Insomma l’importante è sopravvivere ed essere  sempre pronti per il “nuovo capo”.

Siamo convinti che invece occorre una discontinuità “netta e chiara” con un passato che non è riuscito ad  avviare i necessari cambiamenti ANZI………………….

Le restaurazioni infatti sono state spesso peggio del passato!!! Riteniamo non si possa correre più tale rischio. Siamo arrivati ormai al punto del non ritorno che obbliga a  mantenere ferma la rotta verso un radicale rinnovamento anche a costo di tornare al voto per liberare il parlamento da chi vuole mantenere rendite di posizioni ormai incomprensibili al paese reale.

Un paese (ormai europeo) che ogni giorno si scontra con i problemi quotidiani irrisolti dalla vecchia classe dirigente che invece pensa ancora a ingrassare la burocrazia  e tassare i cittadini a fronte di  servizi inefficienti, peraltro non più adeguati ai tempi che viviamo.

 

 

RENZI, IL NUOVO PD CHE AVANZA MA……… IL VECCHIO FRENA!!!ultima modifica: 2014-06-13T19:12:05+00:00da vivrescanno
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento