Orsa liberata da cavo d’acciaio in Pnalm

Orso bruno marsicano. PARCO NAZIONALE D'ABRUZZO

Orso bruno marsicano. PARCO NAZIONALE D’ABRUZZO

(ANSA) – PESCASSEROLI (L’AQUILA), 29 SET – La scorsa notte, il personale del Parco, nel territorio del Comune di Campoli Appennino (Frosinone), ha catturato una femmina di orso, di oltre 10 anni, con un laccio al collo. L’orsa è stata liberata dal laccio, curata e rilasciata. Alla fine dello scorso mese di novembre era stata segnalata al personale del Parco la presenza di un orso che presentava attorno al collo un cavo d’acciaio.
L’animale era stato filmato dall’Associazione Salviamo l’Orso nell’ambito della collaborazione con Regione Lazio, durante il monitoraggio della popolazione nelle aree esterne al Parco. Il Veterinario del Parco ha provveduto a liberare l’orsa dal laccio, a curare la ferita e a somministrare i farmaci necessari. Il Servizio di sorveglianza ha inviato la notizia di reato alla Procura di Cassino, competente per territorio. I cavi d’acciaio, del tipo trovato sull’orsa, vengono generalmente utilizzati dai bracconieri, che li pongono lungo punti di passaggio della fauna selvatica.

Orsa liberata da cavo d’acciaio in Pnalmultima modifica: 2017-09-30T05:49:26+00:00da vivrescanno
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento