Meno tasse e progetti di sviluppo: la ricetta della Cna

LIBERARE INSOMMA RISORSE PER INVESTIMENTI CHE CREINO LAVORO ??!!
 RECCESSIONE
RETE5.TV  … LEGGI ARTICOLO
“Siamo convinti che, nelle scelte nazionali, l’area in cui operiamo meriti una considerazione speciale. Per questo, siamo particolarmente attenti a tutto ciò che accade in ambito locale e promuoviamo le variabili che determinano lo sviluppo e la competitività del territorio Peligno, dialogando e collaborando con tutti gli interlocutori che incidono sulla realtà locale. In particolare, proponiamo e promuoviamo politiche per uno sviluppo equilibrato dei fattori economici, sociali e ambientali, con l’obiettivo di favorire l’attività produttiva e promuovere l’attrattività del territorio.  La nostra mission è quella di agire perché Sulmona e l’Abruzzo siano tra le aree più vitali e attrattive in Europa, un’area nella quale le imprese che vi operano abbiano successo nel mondo e creino qui occupazione di qualità.  Sulmona  sistema vitale, è città che ha sempre saputo coniugare la crescita economica con il progresso sociale e civile. Lo sviluppo economico non è tale se non è condiviso e a questo risultato si tende con una collaborazione profonda fra i molti attori – privati e pubblici – che operano in uno stesso sistema. L’impresa privata traendone vantaggio vi contribuisce, la sfera pubblica si emancipa da superflua burocrazia diventando essa stessa attore fecondo di sviluppo, grazie ai fondi che riesce a mobilitare e alle iniziative che promuove. A tal uopo, ci sentiamo, di esprimere apprezzamento nei confronti dell’Amministrazione Comunale di Sulmona, rappresentata dal Sindaco Giuseppe Ranalli nonché dall’intervento dell’Ass. Stefano Goti, conseguentemente a quanto emerso nell’odierno incontro avuto tra Valentino Casciato vice presidente CNA L’Aquila  Giovani Imprenditori” e  Franco Ruggieri membro di presidenza CNA Settore Commercio / Turismo, con il Presidente e il Direttore CNA Provinciale L’Aquila rispettivamente Giorgio Stringini e Agostino Del Re. Ma occorre moltiplicare le iniziative nell’ambito dell’autonomia d’impresa come nel welfare. Favorire l’accesso al credito, a cui abbiamo sempre riservato una particolare attenzione, da qui la costituzione del Confidi FIDIMPRESA ABRUZZO soc. coop., nato dalla fusione delle strutture di credito delle province di L’Aquila, Chieti, Pescara e Teramo, fortemente strutturato e patrimonializzato, per garantire la crescita delle imprese esistenti e la nascita di nuove, in un sistema vitale ottimizza organizzazione e procedure di allocazione del capitale e del mercato finanziario, volti a temperare e superare l’attuale sempre più grave ostruzione del canale del credito e dei capitali alle imprese, incentivando l’adozione di nuove best practice che premino l’innovazione knowledge – intensive, favorendo criteri in cui il collaterale del merito di credito sia rappresentato dal patrimonio di conoscenze piuttosto che dai beni fisici. Per questa molteplicità di fini, è di importanza capitale che le stesse entità istituzionali e amministrative adottino il più possibile princìpi e procedure analoghe nel proprio modello funzionale-organizzativo. E’ questa la sfida complessiva alla quale intendiamo operare come CNA. Non è solo naturalmente definita dall’orizzonte degli interessi e della crescita delle migliaia di nostre imprese associate. E’ una sfida più ambiziosa. Come nei decenni di crescita più energica del nostro territorio  e dell’Abruzzo, dall’Unità d’Italia in avanti, non c’è salto in avanti delle imprese e del mercato senza un’azione parallela e contestuale che al mondo dell’economia affianchi quello della società civile, quello dell’amministrazione, e quello delle policies”.
Meno tasse e progetti di sviluppo: la ricetta della Cnaultima modifica: 2015-07-20T00:25:55+00:00da vivrescanno
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento