“L’orso non è morto per le ferite da fuoco”

Secondo il veterinario della Asl Molise, Stefano non sarebbe morto per mano armata: ferite datate e non fatali

 

Fonte: ZAC7.IT

  L’orso non sarebbe morto a fucilate in quanto, le ferite sull’arcata orbitale e sulla zampa, sarebbero datate e il calibro esploso è di pistola: questo è quanto emerge dalle dichiarazioni rilasciate all’agenzia di stampa Asipress dal dirigente medico veterinario della Asl Molise, Antonio Liberatore. “Le ferite sopra l’arcata orbitale dell’orso e quella sulla zampa sono datate di qualche mese quindi non imputabili alla morte dell’orso . Entrambe le ogive – ha dichiarato il veterinario all’Asipress – sono di calibro 7,65, esplose da una pistola, sono penetrate per circa 1,5 – 2 centimetri, risultano inglobate nel tessuto che si e’ ricostituito intorno ad esse e quindi risalgono a diversi mesi orsono. Non sono da mettere in relazione alla morte dell’orso.” E anche i pallini rinvenuti sul corpo dell’animale, sempre stando a quanto riferisce Asipress, sarebbero di piccolissimo calibro, quindi non letali. I colpi da arma da fuoco sull’orso Stefano, cosiddetto problematico, sarebbero quindi stati esplosi in precedenza e per spaventarlo, poiché, ha dichiarato Liberatore a Asipress “nessuno dei calibri usati avrebbe potuto ucciderlo se non esploso all’indirizzo di un organo a distanza più che ravvicinata.” Dunque se gli avessero sparato a una distanza molto, molto ravvicinata, l’animale avrebbe potuto morire con un colpo da arma da fuoco di modesto calibro, come quelli di cui alle ferite rinvenute sul corpo del plantigrado ispezionato dal medico veterinario della Asl Molise, Antonio Liberatore, componente della commissione scientifica del progetto comunitario Life Arctos per la tutela dell’orso, che si e’ occupato dell’esame necroscopico sulla carcassa dell’orso. Sono in corso ulteriori esami di tipo chimico, tossicologico per scoprire le cause di morte dell’animale.

“L’orso non è morto per le ferite da fuoco”ultima modifica: 2013-07-11T14:07:00+00:00da vivrescanno
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento