De Crescentiis: ma dove sono stati questi signori in questi anni ?

Piccata e velenosa replica del sindaco di Pratola Peligna che negli ultimi giorni era stato sollecitato insieme al suo Partito,il Pd, ad assumere iniziative in difesa del punto nascite. Ne ha per tutti: per le opposizioni in Consiglio comunale di Sulmona ma anche per FI, parla di nomine fatte da D’Alfonso e sopratutto riconferma una coesione ( vera) e strategica con il sindaco di Sulmona. La politica continua ad infiammarsi-

Pratola-Peligna

Corriere peligno )  Sulmona, 28 marzo.– In riferimento a quanto affermato dai consiglieri di minoranza del Comune di Sulmona, Pantaleo, Di Piero, Del Monaco, Santilli e Di Benedetto secondo i quali io non avrei mai fatto sentire la mia voce al governo regionale sulla vicenda del punto nascita in cambio di chissà quale incarico, nell’esprimere tutta la mia solidarietà al Sindaco Giuseppe Ranalli, intendo ricordare che da otto anni il sottoscritto non ha mai mancato un incontro sui tanti temi che hanno coinvolto la città di Sulmona e le altre comunità. Lo scrive questa sera il sindaco di Pratola Antonio De Crescentiis

La presenza in prima fila in tutte le battaglie- prosegue De Crescentiis-mia personale e delle amministrazioni con le quali ho avuto ed ho oggi l’onore di lavorare, è stata sempre finalizzata solo ed esclusivamente alla tutela della collettività e mai a soddisfare interessi personali.
La vicenda del punto nascita in particolare sta assumendo, a mio modo di vedere, i toni di un teatrino al quale né i sulmonesi, né i cittadini della valle peligna meritano di assistere.
Circa le azioni da me intraprese affinché il Presidente D’Alfonso e l’Assessore Paolucci comprendano la portata del danno che oggi stanno per arrecare al nostro territorio posso affermare di aver agito tanto nelle forme pubbliche quanto in quelle private al massimo delle mie capacità e possibilità.
Non è mio stile mettere in piedi azioni “teatrali” o annunciare ipocritamente dimissioni. Neanche quando hanno chiuso il Tribunale o quando l’intero territorio è stato escluso dal Cratere Sismico con i Governi Nazionali e Regionali di centro destra ho mai incitato alle dimissioni.
Colgo l’occasione per rivolgere una domanda a coloro che oggi hanno legittimamente ritenuto di dover occupare il comune di Sulmona: che cosa hanno fatto e dove erano quando Chiodi “sventrava” l’Ospedale di Sulmona e faceva diventare un’eccellenza quello di S.Omero?
Se oggi il punto nascita viene chiuso- prosegue il sindaco di Pratola- è perché qualcuno negli anni passati lo ha indebolito a vantaggio di altri.
Se oggi il punto nascita viene chiuso è perché il Governo Regionale non ha sentito il coraggio o la necessità di prevedere una giusta e doverosa deroga per Sulmona.
Su queste responsabilità passate e presenti non si discute, esistono e basta.
Posso accettare critiche sul mio modo di fare una battaglia ma non posso accettare insinuazioni sulla mia persona, sulla mia dignità, sugli anni di lavoro mio e delle squadre con cui ho lavorato e lavoro.
La candidatura, da me accettata, alla Presidenza della Provincia nasce e si fonda su una storia politica e amministrativa lunga otto anni, fatta di risultati ottenuti con sacrificio per i quali non finirò mai di ringraziare la mia comunità e coloro che hanno collaborato e collaborano oggi con me.
Una candidatura non è un “regalo”; semmai è un riconoscimento anche al territorio che vorrei rappresentare, la Valle Peligna.
Una candidatura, molto diversa da una NOMINA, a Presidente della Provincia (carica elettiva non remunerata) condivisa in questi giorni da Sindaci, consiglieri comunali e dirigenti locali del partito del vasto territorio della Provincia non può essere sminuita per una polemica tutta interna alla Città di Sulmona né tantomeno da chi, come qualcuno tra i firmatari del comunicato stampa, di NOMINE ne ha avute proprio a firma del Presidente D’Alfonso”. (h. 19,30)

De Crescentiis: ma dove sono stati questi signori in questi anni ?ultima modifica: 2015-03-29T09:48:45+00:00da vivrescanno
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento