Cresce il fronte del NO al progetto di variante sulla A/25

A24 ine

Cresce la polemica sul progetto di rinnovo dell’autostrada che punta ad accorciare le distanze  tra Pescara e Roma, la direttrice che dovrebbe far crescere  l’economia abruzzese unendo i centri più sviluppati delle due regioni (Lazio-Abruzzo). Un collegamento che da anni chiediamo di incentivare con la Valle del Sagittario senza che però nessuno se ne preoccupi impegnati come sono a mantenere in piedi cortili e cortiletti che si stanno aridendo.

L’imprenditoria purtroppo, quella vera, si sa non si ferma a guardare ad un palmo del naso ma guarda sempre oltre in virtù di un vecchio proverbio che dice “chi si ferma è perduto”. Nel caso nostro poi non solo non si va  avanti ma addirittura si va indietro con perdite di posizioni e ovviamente di numeri che sono poi alla fine quelli che allettano le imprese.

C’è un unico modo per riacquistare un ruolo decisionale rimboccarsi le maniche e lavorare per rendere appetibile il nostro territorio e, tornando all’autostrada, facciamo in modo che aumentino l’utilizzo anche attraverso la mobilità giornaliera .

 Basta piangersi addosso guardiamo le cose in un orizzonde più ampio…

Corriere Peligno –  Si allarga il fronte dei Comuni contrari al progetto della Strada dei Parchi per ridurre i tempi di percorrenza tra Roma e Pescara attraverso la realizzazione sulla autostrada A25 di 7 gallerie, di cui tre tra i caselli di Cerchio (L’Aquila) e Popoli-Bussi (Pescara), che taglierebbe fuori la Valle Peligna bypassando i caselli di Pescina, Cocullo e Pratola Peligna-Sulmona. Dopo il Comune di Popoli che nei gionri scorsi aveva deliberato la contrarietà all’iniziativa ieri sera nel corso di un incontro che si è svolto a Pratola Peligna 17 sindaci (Raiano, Corfinio, Roccacasale, Prezza, Vittorito, Cansano, Pacentro, Campo di Giove, Pettorano sul Gizio, Bugnara, Introdacqua, Cocullo, Anversa degli Abruzzi, Villalago e Scanno) hanno bocciato il progetto presentato dalla Toto spa e già nei prossimi giorni chiederanno al presidente della Regione di attivare una conferenza dei sindaci che consenta agli stessi di partecipare al processo di rilascio dei pareri che la Regione Abruzzo ed il ministero si apprestano a rilasciare sulla proposta avanzata dalla societa’ concessionaria. (h. 14,15)

Cresce il fronte del NO al progetto di variante sulla A/25ultima modifica: 2016-02-08T08:30:49+00:00da vivrescanno
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento