BASTA CON LE PAPERE!!!!…

Papere

Scanno non ha bisogno di continue e sterili scaramucce ma di azioni concrete. Se vi sono debiti fuori bilancio, ne venga reso pubblico l’ammontare e il periodo in cui si è costituito.

E’ ormai iniziato il NONO mese dall’avvento  della nuova Amministrazione durante i quali gli  amministratori passati  e quelli subentrati alla gestione commissariale continuano ad accapigliarsi sullo stato di salute delle finanze comunali. Diverbi  di opinioni supportati da termini tecnici ostici al cittadino comune che non giovano  a nessuno e che sono destinate a continuare  anche dopo l’ormai imminente pronunciamento della Corte dei Conti (era previsto nel mese corrente).

Scanno non ha bisogno di continue e sterili scaramucce ma di azioni concrete. Se vi sono debiti fuori bilancio, ne venga reso pubblico l’ammontare e il periodo in cui si è costituito.

Bisogna chiudere con il passato facendo  luce sugli annosi problemi (aperti anche da più di 15 anni) indicati  nella relazione di fine mandato del Commissario che sono costati e costeranno agli Scannesi svariati centinaia di migliaia di euro per risarcimenti a persone, spese legali e mancati recuperi. Tra i quali è bene non dimenticare.

Il mancato  recupero del finanziamento regionale di 825000 euro non più disponibile. Dove sono andati a finire i nostri soldi? Chi dobbiamo ringraziare per i danni procurati alle casse comunali?   Qualcuno spieghi ai cittadini  perché un finanziamento, quello degli 825.000 euro, che era nei cassetti comunali è andato perso e, nonostante le promesse ad oggi la regione non ha rifinanziato!!

La non definita quantificazione dei danni connessi con le controversie legali  della dottoressa Spinosa, iniziata nel 1999, vincitrice di concorso e mai assunta. Pare che penda una richiesta di risarcimento oneroso per la mancata assunzione oltre alle spese legali e di Amodei,  i cui costi sono di difficile decifrazione e sulla quale non sono note le azioni eventualmente assunte dal Comune per il recupero dei compensi liquidati sui due contratti che il Tribunale civile di Sulmona ha dichiarato NULLI!!!!!!!!!!! Chi pagherà pantalone?

Gli aggiuntivi interventi  sul parcheggio coperto resisi necessari  per rendere la struttura idonea e sicura dopo l’ultimazione dei lavori, collaudo e apertura al pubblico. Che razza di collaudo è stato effettuato?

Le mancate risposte del Comune nei termini prescritti alle segnalate necessità di intervento  richieste dal gestore sul bacino di Collerotondo, l’omessa volturazione delle utenze elettriche che hanno esposto  il Comune al loro pagamento. Perché?  Chi era il responsabile del contratto?

La non applicazione del DLvo 165/2001 art 53 che al comma 14 che obbliga gli enti locali a  comunicare al ministero gli incarichi professionali esterni assegnati e, in tale assenza,  al comma 15 fa  divieto  di dare incarichi successivi. Allora i successivi sono nulli e chi paga?

L’inadeguatezza organizzativa  che ha reso necessari interventi del Commissario per  riportare il Comune “sulla strada della legalità e del rispetto delle regole contabili” nel rapporto con la Corte dei Conti.  Chi è stato responsabile di  tali situazioni?

Il  diniego dei rimborsi di spese legali ad ex Amministratori per l’assenza di un apposito capitolo di spesa nel documento di indirizzo primario per la giunta “il bilancio preventivo”. Di quali spese stiamo parlando? Sono forse quelle liquidate dall’attuale amministrazione lo scorso dicembre?

Ci chiediamo e  chiediamo al Sindaco , agli Assessori, ai Consiglieri Comunali se si debba continuare a dare spazio alle “papere” rimandando a data da destinarsi le dovute risposte ai cittadini sui problemi che  attagliano il paese da anni .

BASTA CON LE PAPERE………….

BASTA CON LE PAPERE!!!!…ultima modifica: 2014-01-28T18:40:38+00:00da vivrescanno
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento