Scanno…Bando della Fondazione Carispaq per contributi alle associazioni. Le domande entro il 2 marzo 2015

Carispac

(Gazzettino Valle del Gagittario) – L’obiettivo del bando della Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia dell’Aquila per la presentazione delle domande di contributo per l’esercizio 2015 è quelllo di perseguire scopi di utilità sociale e di promozione dello sviluppo economico con particolare attenzione ai problemi dell’economia montana e delle aree interne. I settori rilevanti del bando fanno riferimento all’arte, attività e beni culturali, allo sviluppo sociale e alla ricerca scientifica e tecnologica. I settori ammessi comprendono invece il volontariato, filantropia e beneficenza, la crescita e la formazione giovanile. L’importo complessivo stanziato dalla Fondazione per tali settori è di 750 mila euro.

Beneficiari delle erogazioni possono essere esclusivamente i soggetti pubblici o privati che operano negli ambiti di intervento e che non hanno finalità di lucro. Sono escluse le richieste di persone fisiche. Alla luce di tali agevolazioni, è la Confesercenti Giovani provinciale a lanciare un appello alle associazioni giovanili che operano sul territorio: “ Noi giovani- spiega Casciato- non ci possiamo sempre lamentare, dobbiamo avere un pensiero positivo verso il territorio. Il Bando della Carispaq rappresenta, come ogni anno, un grande occasione. Dobbiamo recuperare la forza di creare ciò che vogliamo per migliorare la qualità della nostra vita. Oggi- continua Casciato- dobbiamo percorrere strade alternative e non avere mai la paura di farlo”. I soggetti interessati al bando dovranno presentare una domanda utilizzando l’apposita modulistica disponibile presso la sede della Fondazione o scaricabile dal sito web www.fondazionecarispaq.it. Le domande devono essere presentate, esclusivamente in forma cartacea, entro il 2 marzo 2015.

Scanno…Bando della Fondazione Carispaq per contributi alle associazioni. Le domande entro il 2 marzo 2015ultima modifica: 2015-01-14T08:40:26+00:00da vivrescanno
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento