Andamento delle imprese 2008-2014: la Valle Peligna perde 149 aziende e l’Alto Sangro 24

RECCESSIONE

E’ stata pubblicata su un giornale on line (rete5.tv) lo stato delle Imprese nel periodo 2008-2014. I dati purtroppo confermano quel che si percepisce a senso e cioè  una flessione delle imprese  che comunque appare più basso rispetto al riferimento nazionale.

 

giovedì 08 ottobre 2015
Immagine attivaSULMONA – La Provincia dell’Aquila registra una flessione di 576 imprese pari a – 2,29%, valore comunque più basso rispetto al – 3,15% italiano. Questi i risultati del nuovo studio del ricercatore sulmonese Aldo Ronci sull’andamento delle imprese nell’aquilano dal 2008 al 2014, sulla base dei dai presi da Movimprese.it e Camera di commercio. Secondo le conclusioni dello studio le variazioni del numero delle imprese nei territori della Provincia sono state disomogenee. L’Aquilano si caratterizza per il fatto che è una delle poche realtà che riesce a conseguire un incremento che è stato di 597 unità ed è da ascrivere al settore delle costruzioni che ha ottenuto un incremento di 467 imprese per effetto del sisma del 2009.Nella Marsica il decremento di 1.020 imprese è stato molto alto e dovuto in gran parte al settore agricolo che ha subito una flessione di ben 908 unità.

Il Territorio Peligno evidenzia un decremento di 149 aziende a causa delle flessioni generalizzate nel commercio (-116), nell’industria (-101), nelle costruzioni (-61) e nel settore agricolo (-54).

L’Alto Sangro riesce a contenere la flessione (-24) grazie a Castel di Sangro che da sola, e in controtendenza all’andamento nazionale, ottiene un incremento di 32 imprese e in particolare riesce a conseguire un aumento nel settore delle costruzioni (+16).

Si conferma la crescita continua di questa città dovuta soprattutto allo sviluppo dei “turismi” in particolare quello sportivo e quello eno-gastronomico. La crescita di Castel di Sangro è stata accompagnata dal Comune che si è impegnato a sostenere la crescita demografica fornendo servizi adeguati e sviluppo urbanistico. I dati provinciali sulla dinamica delle imprese tra il 2008 e il 2014, nonostante gli interventi nel cratere, sono comunque negativi e a questi bisogna aggiungere il dato dell’occupazione che, nello stesso periodo, ha subito una flessione di 10.000 unità pari a un decremento dell’8,5% pari a due volte e mezzo quello nazionale che ha segnato un – 3,5%. Anche il sistema produttivo della Provincia dell’Aquila ha bisogno di cambiare passo e ciò può avvenire soltanto se si riesce a migliorare la competitività delle imprese (in particolare delle micro-imprese) e l’intervento della Regione Abruzzo più importante ed efficace in questo senso deve orientarsi nella messa a disposizione di servizi capaci di attivare innovazioni.

Andamento delle imprese 2008-2014: la Valle Peligna perde 149 aziende e l’Alto Sangro 24ultima modifica: 2015-10-09T08:06:12+00:00da vivrescanno
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento